Come motivare il tuo team: 8 strategie efficaci

Tutti viviamo giornate no.
Dall’imprenditore navigato allo stagista ultimo arrivato, tutti abbiamo bisogno della giusta motivazione per esprimerci costantemente ad alti livelli sul lavoro.
Per portare a termine qualsiasi progetto, sai che serve la massima collaborazione di tutte le persone coinvolte. Come motivare il tuo team a dare sempre il 110%?

Tenere accesa la scintilla non è così semplice, soprattutto quando le teste da gestire sono numerose; eppure quella scintilla deve continuare a bruciare, se si vogliono portare a casa dei risultati.
Anche la migliore delle squadre ha bisogno di un trascinatore. E indovina un po’… Spetta proprio a te – manager, team leader, dirigente – il compito di fomentare la fiamma e guidare la truppa!

Ti è mai capitato di leggere negli occhi nei tuoi collaboratori un pizzico di demotivazione? Hai la sensazione che svolgano l’incarico senza esprimere al massimo le loro potenzialità? Vorresti vedere una maggior partecipazione e attaccamento alla causa?

Continua a leggere e scoprirai 8 strategie efficaci per motivare il tuo team.

1. Definisci obiettivi chiari e condivisi

Prova per un secondo a metterti nei panni dei tuoi collaboratori: come ti sentiresti se ti dicessero: “Fai questa cosa”, punto. Nessuna spiegazione sul motivo per cui va fatta, sul perché è importante e su quali sono i risultati attesi.
Scommetto che ti sentiresti trattato come un automa e che ti metteresti all’opera con un pizzico di svogliatezza.
Ecco, questa è proprio la reazione che dovresti evitare di ottenere dai tuoi collaboratori.
Non limitarti ad assegnare compiti. Condividi con loro gli obiettivi da raggiungere, esponi chiaramente la strategia che intendi seguire, rendili partecipi.
Quando una persona si sente coinvolta in un progetto e si sente parte di un gruppo è spronata a dare il massimo. Quando comprende appieno le motivazioni per cui deve compiere determinate azioni e ha ben chiaro il traguardo da raggiungere focalizza meglio le sue energie.

Raggiungere-obiettivi.png

2. Comunica in maniera efficace

Ho trattato ampiamente questo aspetto nel mio blog, in particolare nell’articolo intitolato “Sei sicuro di comunicare in maniera efficace?”, che ti consiglio di andare a rileggere per trovare tanti spunti utili su cui riflettere.
Comunicare efficacemente non significa solo essere brillanti e farsi ascoltare. Serve porre attenzione all’interlocutore, valutare il contesto e capire qual è il modo migliore per esporre i nostri punti chiave.
Il segreto? Essere consapevoli dell’effetto che le nostre parole avranno sul destinatario. Cerca sempre di evidenziare i benefici che chi ti sta davanti otterrà ascoltandoti.

3. Coltiva la tua leadership e dai il buon esempio

Non ti vedo, ma un po’ ti conosco: hai una gran voglia di migliorare e di crescere e non perdi occasione per prendere spunto da persone che, prima di te, hanno raggiunto i tuoi stessi obiettivi.
Molti di noi cercano ispirazione da modelli da seguire. Diventa tu quel modello. Dai il buon esempio, trasmettendo entusiasmo e idee chiare. Infondi fiducia e sicurezza nei tuoi collaboratori.
Questo atteggiamento stimolerà la tua squadra a mettersi in gioco e a dare il massimo; tutti si sentiranno responsabilizzati e lavoreranno in un clima positivo, produttivo e disteso.
Qualsiasi manager, oggi, ha bisogno di un aiuto efficace da parte del suo staff; per ottenerlo non basta più essere un capo, bisogna essere un leader.
Manager Autoritario Vs. Manager Coach, tu quale scegli di essere?

4. Valorizza i talenti all’interno del tuo team

Il mercato odierno? Ritmi frenetici e concorrenza spietata; c’è sempre bisogno di menti fresche e nuove idee. E dove trovarle se non all’interno del nostro team?
Sta a te il difficile compito di scovare i talenti presenti nella tua squadra, cullarli e farli crescere. Come?
Per una mente brillante, nulla è più stimolante di una sana iniezione di fiducia e un buon grado di autonomia.
Rendi partecipi i tuoi collaboratori, ascoltali, lascia loro lo spazio per intervenire e proporre soluzioni. Quando una persona si sente considerata e valorizzata è più propensa a partecipare attivamente e a dare un contributo apprezzabile.
Dimentica il micromanagement, tanto non puoi controllare ogni dettaglio. Dai fiducia e verrai ricompensato.

5. Non smettere mai di imparare

La perfezione è un’utopia, ma progredire è sempre possibile (o quasi). Non accontentarti di ciò che sai fare, perché è molto probabile che esista un modo migliore per farlo. Trasmetti questa voglia di crescere e di puntare sempre più in alto anche ai tuoi collaboratori.
Partecipa tu stesso e coinvolgi il team in corsi di formazione, convegni di settore e fiere. Incoraggia ad acquisire nuove conoscenze e a metterle in pratica, anche a rischio di commettere qualche errore.
Un leader che ha paura di rinnovare e di rinnovarsi trasmette insicurezza. Dimostra invece di essere aperto a nuove idee e di essere proiettato al futuro.

6. Fornisci feedback costanti

Ho già sottolineato l’importanza di rendere partecipe lo staff, di condividere obiettivi e strategie, ma anche traguardi ed eventuali difficoltà. Mostra sempre trasparenza, non tenere gli addetti ai lavori all’oscuro di ciò che accade all’interno dell’azienda.
Aggiornali sul raggiungimento delle mete prefissate e celebra il loro contributo; fai sentire il tuo apprezzamento, sia dal punto di vista umano che professionale; ringraziali per il lavoro svolto.
Qualcosa è andato storto? Discutine con loro e cerca di capire e far capire dove si è sbagliato. In questo modo eviterai che venga commesso lo stesso errore anche in futuro.
Un dialogo costante crea un clima positivo, un gruppo affiatato e migliora la produttività.

Lavoro-di-squadra.jpg

7. Gestisci meglio il tempo

Lavorare con la sensazione di essere sommersi dalle cose da fare, senza mai intravedere la luce in fondo al tunnel, non è certo una sensazione piacevole.
Purtroppo esistono alcune convinzioni (sbagliate) sulla gestione del tempo che limitano enormemente la nostra produttività. Eppure, ottenere di più lavorando meno è possibile.
Basta adottare alcune strategie di time management; si può cominciare con 3 semplici mosse (scoprile qui) e farle diventare piano piano un’abitudine. I risultati vi sorprenderanno.
Impara a gestire meglio il tuo tempo e poi insegnalo ai tuoi collaboratori. Niente più musi lunghi, stress ed esaurimenti emotivi. Garantito.

8. Crea un ambiente di lavoro sano e positivo

Sul luogo di lavoro il clima gioca un ruolo fondamentale. Ci sono due aspetti da tenere in considerazione: l’atmosfera (intesa come il rapporto fra colleghi) e lo spazio fisico (l’ufficio).
Un clima costantemente teso non aiuta certo ad esprimersi al meglio, così come un’atmosfera eccessivamente distesa e rilassata. L’ideale sarebbe bilanciare periodi di massima concentrazione e impegno con attimi di spensieratezza e ilarità. Dopo qualche ora di duro lavoro, una pausa e quattro chiacchiere hanno un effetto rigenerante.
Anche lo spazio di lavoro è importante, soprattutto considerando che ci si passa gran parte della giornata. Che si tratti di un ufficio, di un negozio o di un magazzino, assicurati che ci sia un buon ricambio d’aria e luce naturale; limita al massimo i rumori assordanti e duraturi; garantisci un minimo di privacy e predisponi delle aree per rilassarsi. Infine, anche l’occhio vuole la sua parte: un ambiente visivamente gradevole mette di buon umore.

Sei pronto per guidare la tua squadra alla vittoria

Ora che sai come fare, prova a mettere in pratica queste 8 strategie per motivare il tuo team. Giorno dopo giorno vedrai crescere nei tuoi collaboratori lo spirito d’iniziativa, la voglia di fare e fare bene. E i risultati non tarderanno ad arrivare.
Non basta innescare la scintilla, ma bisogna tenerla accesa.
Anche tu puoi avere giornate no, questo ti rende umano e forse ancora più apprezzato dalle persone che ti circondano. Ma come un vero leader hai l’opportunità, ogni giorno, di dimostrare in prima persona di saper ritrovare la motivazione e l’energia per buttarti a capofitto all’inseguimento dei tuoi traguardi. Ora prendi questa motivazione e passala al tuo team. Buon lavoro!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbe interessare anche

Manuela Campanozzi
Il FLY del Triveneto vola!

Nuovo record per il programma di formazione FLY della Roberto Re Leadership School: formate 1700 persone in soli 65 giorni!

Non dire che…

Non dire che non hai tempo e non hai le energie. Non dire che non hai voglia. Si sincero con te stesso.

Tre nuovi protagonisti

Tre nuovi manager hanno intrapreso con successo un percorso di formazione con la Roberto Re Leadership School…

Condividi sui social

Facebook
LinkedIn
WhatsApp